Benvenute e benvenuti!
Sono Alessio Rozzi, ed Enoteca Adriatica è la mia ditta individuale.

Con Enoteca Adriatica, da Trieste e i suoi dintorni porto in tutta Italia i migliori vini prodotti in queste terre; dall’Europa porto a Trieste le eccellenze delle zone più stimate dagli intenditori.

Sono un sommelier appassionato dei vini della zona intorno a Trieste (Carso, Collio, Brda, costa slovena…), dove vivo, e… basta!
Fino a pochi mesi fa, su questa pagina potevate leggere che sono anche un impiegato tecnico del settore navale, ma alla fine del 2017 – dopo 17 anni e 3 mesi – mi sono licenziato per dedicarmi completamente a Enoteca Adriatica.

Inizialmente avevo mantenuto il lavoro nel ramo marittimo perché – dicevo – il primo amore non si scorda mai (cosa che resta vera), ma non avevo fatto i conti con le soddisfazioni che questa attività di importazione e distribuzione di vino mi ha dato da subito.

Ho capito che sono bravo a scovare vini di qualità e che posso aiutare le persone a bere vino migliore e permettere agli appassionati di scoprire vini nuovi, che ora distribuisco anche ben al di fuori di Trieste.

In Enoteca Adriatica faccio ancora tutto da solo: sono sempre titolare, direttore vendite, responsabile acquisti, capo magazziniere e garzone delle consegne, marketing manager… ma ora ho più tempo e più energie per la mia attività di importazione e commercio di vino, e nel frattempo ho anche fatto qualche investimento per dare un servizio sempre migliore. Ci sono ancora aspetti perfettibili, anche perché, per carattere, punto all’eccellenza, ma i miei clienti sembrano già molto contenti.

Seleziono ancora personalmente – e sempre lo farò – i vini che tratto, con lo scopo di proporre prodotti di qualità, con un buon rapporto fra qualità e prezzo e meno conosciuti, sia per promuovere produttori e territori meritevoli, sia per dar modo ai miei clienti – privati e operatori del settore ristorazione – di gustare e offrire vini non comuni.

Prima lo facevo perché mi appassionava, mi sembrava giusto e che potesse essere un approccio vincente sul mercato. Ora ho capito che è una specie di vocazione, che il mio lavoro offre veramente un valore alle persone e, nel suo piccolo, ne migliora la vita, siano esse bravi produttori, che meritano di avere più estimatori, siano esse consumatori, che meritano rispetto, indipendentemente dalla loro competenza.

Da questa riflessione è nato anche il desiderio di collaborare più sistematicamente all’organizzazione di eventi che promuovano un consumo intelligente e consapevole del vino.
Con una missione così, non potevo continuare a giocare ad “Affonda la flotta”!

Sono sempre il capo e, in barba a ogni regola di marketing del vino e del web, qui voglio sempre tutto blu: come il mare e la buccia del pinot nero.