Altri 255 euro donati alla terapia intensiva di Trieste

Anche nel mese di maggio Enoteca Adriatica ha accantonato il 5% del proprio fatturato per contribuire alla donazione – promossa da Andrea Odoni e già approvata dalla Direzione Sanitaria – per il reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Trieste.

Ecco lo screenshot che dimostra la donazione:

 

Ed ecco  le schermate del gestionale (tagliate per ovvie ragioni di privacy) che dimostrano il fatturato del mese e la correttezza del calcolo:

Nei mesi di aprile, maggio e giugno, Enoteca Adriatica ha donato all’ospedale di Trieste un totale di € 655,00

L’elenco completo delle donazioni è disponibile sulla pagina delle raccolta fondi, dove è ancora possibile donare direttamente.

Trieste ha sete di Champagne (ed è colpa mia)

Doveva capitare!
È seccante non poter dire che l’Enoteca abbia compiuto un anno senza intoppi, ma eccoci al primo (dei rari, promesso) aggiornamento di servizio corredato di sincere scuse ai clienti di Enoteca Adriatica, di Trieste e non.

Distribuzione Champagne a Trieste

Il carico di vini francesi – tra cui lo Champagne – è ancora per strada 🙁

 

L’Enoteca attendeva – e con essa lo attendevano i suoi clienti – l’arrivo del vino dalla Francia (prevalentemente Champagne) per la scorsa settimana. Poi, un ritardo ha spostato la data di arrivo delle preziose bolle e dei loro dolci amici (viaggiano in compagnia dei Riesling alsaziani) a venerdì scorso.
E poi non si sono avute più notizie del camion.

Attendevo la consegna, allora, per lunedì 31, ma neanche ieri è apparso all’orizzonte.
Ogni ora che passa, aumentano le probabilità che il carico giunga al magazzino fiscale, dove lo ritirerò per consegnarlo quanto prima ai miei pazienti, ma assetati clienti.
Al momento sono in contatto anche con i produttori che hanno effettuato la spedizione per capire l’accaduto, risolvere l’intoppo quanto prima e, soprattutto, evitare che si ripeta.

Nel frattempo, il titolare, il direttore vendite, il responsabile marketing e comunicazione e il fattorino di Enoteca Adriatica (cioè, sempre io) porgono nuovamente le loro scuse ai clienti che hanno ordinato lo Champagne, il Crémant e gli altri vini francesi, e assicurano che sarà loro premura consegnarli (o provvedere alla spedizione, nel caso di clienti fuori Trieste) il prima possibile, al fine di limitare il disagio.

Battute e formule stereotipate a parte, sono sinceramente dispiaciuto per questo intoppo e voglio ringraziare tutti per la pazienza, anche pubblicamente da qui.
Questo inconveniente ha anche rivelato quanto siano attesi i “miei” vini, e ciò mi lusinga.

Anche se da tutti ho ricevuto manifestazioni di comprensione ed è ovvio che il disguido non dipenda da me, ci tengo a scusarmi e ad assicurare che sto già lavorando affinché questo resti un episodio isolato.